>Viaggiare con la Maggiolina: allestimento, pro e contro

Viaggiare con la Maggiolina: allestimento, pro e contro

Viaggiare con la Maggiolina: i pro e i contro del nostro modo di viaggiare e l’allestimento del mezzo che non ci fa rimpiangere neppure casa

Consigli, accortezze, informazioni e idee per chi come noi ama viaggiare in tutta libertà con la tenda sopra il tetto.

Questi siamo noi!

Logo LolloturNoi? Si NOI il Lollotour! E’ un gioco, certo, ma l’immagine ci rappresenta perfettamente. Noi 3, il nostro mezzo a quattro ruote e la maggiolina!

Il Lollotour nasce in tenda, prima una classica casetta in prestito e poi la nostra tenda, una super tenda con una portata di colonna d’acqua altissima, perché noi vogliamo andare anche in montagna con la tenda e se piove deve tenere bene…peccato che la costosissima tenda con colonna d’acqua più alta che abbiamo trovato avesse un taglio, e peccato che appena ci è stata sostituita, entrasse acqua dalle cuciture… Ok, è nata sfortunata, la nostra vita da tenda, ma poi ci è stata sostituita nuovamente ed ora è perfetta.

tenda vaudeProprio perché anche con le tende migliori il rischio allagamento esiste, al posto delle valigie e dei borsoni abbiamo sempre usato le casse di plastica bianca tipo panettiere con il coperchio, sono alte, sono impermeabili e ci hanno consentito di avere sempre abbigliamento asciutto in casi di emergenza.

Quando abbiamo acquistato la Maggiolina, l’idea migliore che ci è venuta è stata quella di continuare ad utilizzare le stesse casse, che però occupavano davvero tanto spazio.

Poi abbiamo cambiato il mezzo e a questo punto oltre ad avere un posto molto più ampio per stivare le casse, ci è venuta la voglia i rivoluzionare tutta la nostra organizzazione di viaggio. Il mezzo è stato attrezzato con “mobili” come se si trattasse proprio di un camper (il nostro primo amore).

Ovvio che gli spazi sono più ridotti e bisogna calibrare il carico… si può riempire fino a che gli sportelli non si chiudano, oltre bisogna rinunciare a qualche cosa, ma dopo tutto la nostra filosofia è

non importa come, si può dormire anche sotto un ponte, l’importante è viaggiare

Devo dire che ci siamo adattati molto bene, anzi il più delle volte carichiamo perfino troppo rispetto al reale utilizzo.

Ecco, questo è il mezzo Lollotour attrezzato per il viaggio.

maggiolina in viaggio

allestimento interno scudo

Tutti i vetri oscurabili, sono stati oscurati con la pellicola apposita. I mobiletti contengono per lo più il nostro vestiario, le scarpe vengono riposte sotto i sedili posteriori.

Attaccate ai mobili più alti, tasche porta-tutto che ha cucito mia suocera. Negli sportelli e cassetti che si trovano sul retro, vengono stivate un minimo di provviste in scatola, e qualche pacchetto di pasta, e poi le stoviglie da viaggio e il kit delle pentole impilabili.

interno 3

interno 2L’ultimo vano in fondo serve per riporre la scala della maggiolina. Dall’altra parte invece mio marito ripone corde, lampadine, fili elettrici e ciabatte, e un minimo di attrezzi per installare gli impianti elettrici volanti quando siamo in campeggio per avere luce e prese per attaccare telefoni e batterie e per far fronte alle eventuali emergenze. I cassettini a giorno servono per riporre le cose che utilizziamo spesso e in modo veloce, uno dei cassettini è sempre occupato dagli accappatoi che vengono arrotolati e infilati dentro.

scudo allestitoDurante la marcia ai cassettini appendiamo persino qualche pezzo di bucato umido per farlo asciugare (per lo più costumi o cose piccole)

Nello spazio che rimane fra i mobili, nella parte posteriore, abbiamo il Potty, il Wc chimico che è una manna, visto che non sempre riusciamo a fermarci in campeggio.

particolare interno scudo con tanicaI mobili sulla parte anteriore sono più bassi rispetto a quelli della parte posteriore, ma c’è una ragione.

Abbattendo i sedili posteriori, Lollo ha realizzato un sistema pieghevole per poter recuperare un letto interno all’auto. Per avere un posto letto in più, due in Maggiolina e due in  auto (nel caso che capitasse di avere un’amica della Topo dietro), oppure per avere un letto di emergenza per tutti e tre noi, quando ci troviamo a doverci fermare per la notte in posti dove il dormire in tenda non dovesse essere proprio consigliato! I pezzi pieghevoli che servono per allestire il letto interno sono ripiegati e infilati fra i vetri e i mobili alti, così non danno molto disturbo in termini di spazio.

letto interno scudopreprazione letto interno scudoSiamo dotati anche di un frigorifero 12 volt/220 watt. E’ un frigorifero portatile che riesce a mantenere solo la temperatura di –20 gradi rispetto all’esterno. È ovvio che non possiamo tenerci latte, uova e yogurt, ma ci aiuta con l’acqua e con gli eventuali avanzi.

Visto che il mezzo è dotato di due prese per accendisigari, una davanti e una vicina alla fila di sedili posteriori, usiamo quella anteriore per tenere attaccato il navigatore e quella posteriore per attaccare un inverter, una sorta di trasformatore che commuta la corrente 12volt in corrente a 220 che ci permette, durante la marcia di utilizzare una ciabatta multipresa dove poter attaccare tutte le batterie degli apparecchi elettronici che ci portiamo dietro.

Questo è il LolloTour! Una famiglia di “smangati”, che così attrezzati arrivano ovunque le 4 ruote possano andare.

Pro e contro di questo modo di viaggiare? Eccoli qui tutti in fila:

I VANTAGGI DELLA MAGGIOLINA

  • Fondamentalmente siamo un’auto, quindi viaggiamo più veloce di un camper e non dobbiamo sottostare a tutte le regolamentazioni di altezza, peso e sosta a cui sono soggetti i veicoli ricreazionali (leggi camper)
  • per essere pronti a dormire ci vogliono pochi secondi, una manovella, qualche giro e il letto è sempre pronto
  • Nessuna prenotazione, nessun obbligo. Nonostante il nostro itinerario sia sempre perfettamente programmato prima di partire da casa, abbiamo l’enorme libertà di scegliere dove e quanto sostare, fermarci, andare e stravolgere i nostri piani iniziali senza nessun problema.
  • Se abbiamo necessità di muoverci in auto ma non vogliamo cambiare campo base, ci vogliono pochissimi minuti per staccare il tendalino o la veranda (che rimangono in piazzola nel campeggio) chiudere la Maggiolina e andare.

chiusura maggiolinaGLI SVANTAGGI DELLA MAGGIOLINA

  • Se non si è in campeggio, non abbiamo la possibilità di fare una doccia. E’ vero che stiamo studiando un modo per allestire una doccia volante da viaggio, ma al momento viaggiamo con una tanica di acqua da utilizzare in extremis.
  • Non possiamo fare scorte di viveri  a causa sia dello spazio, che delle prestazioni del frigorifero. Siamo obbligati a fare la spesa ogni giorno, ma noi non lo consideriamo proprio uno svantaggio:  entrare nei negozi di alimentari e prodotti tipici è una delle nostre attività preferite.
  • In Italia, non possiamo essere considerati veicoli ricreazionali. Questo significa che in certe aree di sosta per camper non ci accettano. All’estero il problema non esiste, in Italia si. Dopo aver interpellato varie associazioni, riviste di settore e personaggi vari competenti in materia, mi è stato spiegato che non esistendo una normativa precisa in merito, l’accettazione o meno è del tutto a discrezione del proprietario. All’Area di sosta di Porto Corsini (RA) non ci vogliono proprio, in Sicilia ci hanno accettato ovunque e con gioia.
  • Lo stesso problema dell’essere considerati veicoli ricreazionali esiste anche per i traghetti. Non possiamo fare camping on board (dormendo nel nostra Maggiolina) come fanno i camper. In realtà questa è una condizione assolutamente arbitraria, visto che abbiamo visto con i nostri occhi Maggioline francesi, rientrare dalla Giordania via traghetto Grecia-Italia sul ponte del Camping on board con i camper. Dopo aver contattato e discusso telefonicamente e per iscritto con tutte le compagnie che effettuano servizio traghetto siamo arrivati alla conclusione che non si può punto e basta. La ragione non esiste! Per noi… Gli stranieri possono.
  •  Pioggia! Gli spazi sono ridotti notevolmente rispetto ad un camper, l’adattamento deve triplicare, ma noi siamo riusciti ad organizzare cene, partite a carte e seratine film con dvd che nemmeno a casa.

A contare i punti sembrerebbe che gli svantaggi battano di gran lunga i vantaggi, ma con lo spirito di adattamento che abbiamo e a cui ci siamo abituati vi possono assicurare che la proporzione è esattamente al contrario.

  • Partire da Giardini Naxos alle 08.00 di mattina ed essere a casa alle 08.00 di sera. (1200 km in 12 ore)
  • Lavarsi i denti in mezzo ai mussulmani che fanno il Ramadan, dopo aver dormito in un parcheggio sotto la Moschea Blu (quando il campeggio è lontano quasi 40 minuti di bus dal centro di Istanbul)
  • Fare la pipì senza scendere dall’auto in fila in mezzo al traffico di un’autostrada tedesca vicino ad Hannover, per non fermarsi e rischiare di rimanere ancora più incolonnati.
  • Dormire praticamente all’aperto, ascoltando grilli e cicale, vedendo dal letto la luna e le stelle, ascoltando le onde del mare o lo scrosciare di un fiume.
  • Arrivare in posti dove altri non possono arrivare (in cima al Nemrut Dagi in pochi possono rimanere a dormire  e vedere tramonto e alba sulla Mesopotamia)
  • Decidere di stare, decidere di andare, decidere ogni momento come dovrà volgere la nostra giornata, sapendo di poterci fermare ovunque.

maggiolinaCerto lo spirito di adattamento è fondamentale, ce ne vuole davvero tanto, e capisco che non tutti ne siano dotati (sarà per questo che noi viaggiamo da soli?) ma la libertà regalata è impagabile e con il nostro mezzo così allestito non abbiamo bisogno di altro.

E se ora hai domande sull’allestimento da viaggio, sull’equipaggiamento, sulle attrezzature, su come caricare la macchina su quello che è effettivamente necessario o superfluo, lasciami un commento, io non vedo l’ora di “iniziarti” al mondo della Maggiolina.

Se hai itinerari da condividere con chi come te, viaggia con la tenda da tetto, ti aspettiamo sul gruppo facebook “Itinerari per maggiolinati”: Incontriamoci qui

Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori
Acconsenti al trattamento dei dati personali *
Puoi ricevere Newsletter, Post o entrambi. Scegli tu! 😉

By | 2018-02-04T11:22:55+00:00 24 agosto 2014|Categories: La maggiolina e il campeggio|83 Comments

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

83 Comments

  1. Claudia 24 agosto 2014 al 10:37 - Rispondi

    Organizzatissimi, anzi di più! Certo che siete davvero in gamba, sfruttare ogni minimo centimetro e ottimizzare gli spazi in modo scientifico non e’ da tutti. Abbiamo due modi diversi di viaggiare (nonostante anni di scoutismo e campeggi allo stato brado,oggi senza un albergo, un residence, una pensione, una casa mobile o un bungalow con servizi non riesco), ma apprezzo tantissimo la libertà che una maggiolina può dare. Unico dubbio: serve comunque una macchina adeguata… Montare la maggiolina su una utilitaria lo vedo poco fattibile!

    • Monica Liverani 24 agosto 2014 al 10:42 - Rispondi

      Eh Claudia, l’adattamento indubbiamente ci vuole. Ma noi ormai siamo maestri e ci divertiamo pure. La Maggiolina si può montare sulla quasi totalià delle auto. Sono state fatte spedizioni, in Asia, con Maggioline montate su Fiat Panda, modello vecchio. E ho visto maggioline montate anche su carrelli, quelli che si trainano con il gancio traino. La maggiolina non ha limiti!

  2. Alessandro 24 agosto 2014 al 11:40 - Rispondi

    sono sbalordito dalla struttura creata ed ammirato dallo spirito di adattamento che vi permette di viaggiare ovunque aggratis
    Premesso che noi non ce la faremmo non ho capito bene la logistica dei posti letto
    sul tetto (nella maggiolina) ci si dorme in due o in tre….la tenda a latere dell’auto a cosa serve…come spogliatoio ??

    • Monica Liverani 24 agosto 2014 al 22:28 - Rispondi

      Ale, nella maggiolina ci dormiamo in tre… il letto dentro la macchina è solo di emergenza! La tenda serve anche se piccola, per avere un posto al riparo per stare, per scendere ed eventualmente anche per mangiare… ma la montiamo solo quando siamo in montagna fermi per qualche giorno. Stando ad elevate altitudini (nella foto siamo a 1700) con l’umidità e temperature che alla notte scendono a zero o sotto, avere un minimo di riparo aiuta un pochino anche solo a scendere dal letto.

  3. luca b. 24 agosto 2014 al 20:40 - Rispondi

    Grandissimi, viva il plein air, in ogni sua forma, nel rispetto dell’ambiente e di chi ci circonda…. Complimenti!

  4. Milly 24 agosto 2014 al 21:23 - Rispondi

    Non mi ricordo se mi sia mai capitato di “studiarmi” un post dalla prima all’ultima riga! Davvero illuminante! E, come sai, concordo sul fatto che i pro siano di gran lunga più “forti” dei contro!
    Grazie per avermi fatto conoscere la Maggiolina!!!

    • Monica Liverani 24 agosto 2014 al 22:30 - Rispondi

      Lo sapevo che ti sarebbe interessato molto… non vedo l’ora di incontrarvi per le strade del mondo!… la fiera a Parma c’è a metà settembre… 😉

  5. Claudia 25 agosto 2014 al 10:53 - Rispondi

    domanda scema: ma per vestirsi, cambiarsi eccetera, in assenza di tendalino esterno montato, come si fa?

    • Monica Liverani 25 agosto 2014 al 11:18 - Rispondi

      Ahahaha Claudia…. qui esce lo spirito di adattamento…. in maggiolina ci si riesce a stare seduti (è alta circa 90 cm quando è aperta) e si fanno le acrobazie… altrimenti in macchina… altrimenti quando siamo in campeggio, nei bagni del campeggio… siamo maestri del trasformismo, riusciamo a togliere e mettere pezzi di abbigliamento come facessimo magie!

  6. Letizia 25 agosto 2014 al 15:37 - Rispondi

    Grandissimi!!!!!!!!!!! Ma … Esiste la maggiolina con quattro o cinque letti?? Suppongo di no ma mi hai aperto un mondo! Grazie!!!!!!

    • Monica Liverani 25 agosto 2014 al 15:42 - Rispondi

      Maggiolina con 4/5 posti no, ma sempre la stessa ditta produce un modello diverso di tenda da tetto che si chiama Air camping e che ha la possibilità di essere montata doppia sul tetto… cioè due air camping sullo stesso tetto… poi dipende anche dalla macchina….

  7. Con la #Maggiolina ovunque: allestimento, pro e contro – http://t.co/Pkt9yzar5h

  8. Monica 1 settembre 2014 al 16:08 - Rispondi

    No, vabbeh! Questo post è troppo figo … e soprattutto a costi contenuti dá ottime dritte su come evitare i limiti della tenda x chi ama vacanze sempre in movimento come me.
    Grazie cara

  9. Marco 1 settembre 2014 al 19:59 - Rispondi

    Grande ..siete davvero grandi ,sto seriamente pensando di prendere una tenda da tetto per il mio furgone ,ho un ford tourneo ultimo modello .Oggi di fatto sono roulottista ,camperista e tendaiolo …ma sempre più ,noto che l’avventura e quel senso di libertà che da la mobilità estrema nessun altra vacanza può dartela
    Tra l’altro anche trasmettere ai figli questa “idea” puo per loro essere un valore aggiunto per la loro vita attuale e in particolare futura
    Veniamo alla domanda ,per necessità avrei bisogno di caricare un paio di canoe da torrente sopra il tetto della maggiolina vorrei sapere se i pistoni della tenda possono sostenere tale peso da aperta ,circa 50kg …..ho visto comunque che esiste una tenda che lascia spazio lateralmente ma non ha ,pur facendo parte dello stesso gruppo ,il tetto in vetro revisiona ……..
    Mai avuto problemi di sicurezza montando una tenda seppur sull’auto nei vostri viaggi visto la possibilità di facile intrusione ?
    Grazie di tutto e spero di incontrarti per strda …..questa estate io e la mia famiglia abbiamo fatto circa 9000 km di itinerante per tutta europa e sud Italia
    Saluti

    • Monica Liverani 1 settembre 2014 al 23:08 - Rispondi

      Ciao Marco, io non credo che tu possa mettere 50 kg sulla Maggiolina aperta, i bracci a cremagliera che sostengono il tetto non sono così “tosti”. Esiste una maggiolina che ha una sorta di piccolo portapacchi sopra, ma la possibilità di caricare è minima, anche se ho visto che in quel minimo spazio possono venire caricati un pneumatico di scorta e una tanica di carburante. sinceramente bisogerebbe chiedere alla casa madre, sono davvero gentili e precisi e sono sicura che ti sapranno dare i pesi esatti di sopportazione delle barre della cremagliera. Per quanto riguarda la sicurezza, noi non abbiamo mai avuto problemi, anche se è vero che se dormiamo per strada, poi quando ci alziamo la maggiolina la chiudiamo subito… mentre per il dormire… fino ad ora non ci siamo mai sentiti in pericolo, certo i posti bisogna sceglierli o vai in campeggio o scegli bene… in un posto dove ci siamo solo noi, difficilmente riesco a chiudere occhio… percò è successo in parcheggio a Molveno, camping e area di sosta camper chiusa… noi abbiamo aperto e dormito in un parcheggio.

  10. Marco 1 settembre 2014 al 20:06 - Rispondi

    Sorry
    Aggiungo l’indecisione di montare un tetto a soffietto rispetto alla maggiolina
    Sicuramente il prezzo é un salto diverso,piu o meno 5000 euro contro 1500/2000 e se usata ancor meno ,rimane che il tetto a soffietto da un extra valutazione al mezzo ,inoltre il riscaldatore del mezzo ti da stare sicuramente al calduccio piu che la maggiolina ,oltre al fatto di nn uscire dal mezzo per salire in camera da letto :-)…ma la maggiolina é libertà pura anche quella di nn averla sul tetto se lo decidi …..insomma come avrai capito l’indecisione e massima
    Ancora grazie

    • Monica Liverani 1 settembre 2014 al 23:11 - Rispondi

      La tua indecisione è giusta, ti dico la verità, se io potessi comprerei il camper, ma solo perchè avrei la possibilità di usarlo anche di inverno, o come dici tu un mezzo con tetto a soffietto con riscaldatore interno sempre per poterlo usare d’inverno e potersi muovere agevolmente e velocemente… però poi mio marito non avrebbe spazio per caricare niente quando a casa vuole fare le sue cosine… dipende molto dalle esigenze… noi possiamo caricare tutte le ragazze del nuoto e portarle tutte insieme alle gare, possiamo caricare pezzi lunghi che servono a mio marito e possiamo andare in ferie comodi, veloci e on the road come piace a noi… per noi questa è la soluzione migliore. Tu devi valutare tutte le tue esigenze, considerando che la maggiolina è una possibilità.

  11. daniela 7 settembre 2014 al 13:37 - Rispondi

    non so perchè mi ero persa questo fantastico post….spettacolo! Bravissimi! Concordo su tutto! Soprattutto la libertà, i grilli, le cicale, dormire sotto le stelle…noi qs anno in Francia con il camper abbiamo dormito ovunque!!! E’ una vita che adoriamo!

    • Monica Liverani 8 settembre 2014 al 0:59 - Rispondi

      Anche noi Daniela, anche noi l’adoriamo! anche se siamo un po’ meno comodi di voi!

  12. #maggiolina, viaggiare low-cost, in totale libertà, oragnizzando spazi al millimetro http://t.co/zENaq7S2St

  13. #maggiolina: allestimento low-cost, simil camper

    http://t.co/mB8mqgXc5C http://t.co/yYzMeZNa64

  14. #maggiolina pro e contro, e allestimento del mezzo http://t.co/2zOqaItVA0

  15. Davide 16 settembre 2014 al 22:59 - Rispondi

    L’idea della maggiolina mi piace: ora abbiamo una roulotte, ma il viaggio è lento. Però dormiamo spesso in autogrill: con la maggiolina è legale? Ed è comodo?

    • Monica 16 settembre 2014 al 23:58 - Rispondi

      Legale è legale se si fermano gli altri mezzi per dormire la puoi fare anche tu. Il problema nasce nelle aree di sosta nate appositamente per camper: non tutti ti accettano ma in autogrill si ferma chiunque. Comodo? Secondo non c’è niente di più comodo che fermarsi salire e dormire

  16. nicola 17 febbraio 2015 al 22:45 - Rispondi

    Ciao e complimenti per l’interessantissimo articolo!
    Sono procinto ad acquistare un van come il vostro da attrezzare per il trasporto interno del windsurf e di un letto per soste brevi. Per vacanze più lunghe pensavo di abbinare una tenda. Il dubbio che ho è in merito al mobilio interno al van passeggieri, essendo il mezzo omologato per il trasporto di persone l’evventuale letto o mobilio è secondo voi sanzionabile per il codice della strada?
    Nicola

    • Monica Liverani 18 febbraio 2015 al 0:50 - Rispondi

      Ciao Nicola, grazie per l’apprezzamento. Diciamo che il nostro mobilio è smontabile e quindi è come se caricassimo persone e cose per il nostro viaggio, che poi le cose servano a contenere e siano funzionali alla vacanza questo poco importa. No?
      Abbiamo amici in PS, che ci hanno confermato che in Italia, non ci sono problemi… all’estero sono ancora più tolleranti di qui, quindi…. si può dare.
      Se non sei ancora convinto chiedi direttamente alla caserma dei carabinieri o della PS o dei vigili urbani, vedrai che ti caverai ogni dubbio.

      • Ivan 9 agosto 2017 al 9:21 - Rispondi

        ciao, ATTENZIONE ai carichi, essi siano oggetti, mobilio, o persone. In caso di arresto immediato del veicolo, possono diventare per inerzia pericolose masse vaganti. Viene da pensare, che più pesano più siano difficili da spostare, ma è proprio il contrario, quando il veicolo è in moto. Sono sicuro che ci avete pensato, ma REPETITA IUVANT, soprattutto per i neofiti

        • Monica Liverani 9 agosto 2017 al 9:25 - Rispondi

          Ciao Ivan, hai assolutamente ragione, ma noi abbiamo fissato tutto. Ma per i neofiti ripetere non è mai abbastanza

  17. Lorenzo 4 giugno 2015 al 23:38 - Rispondi

    Ciao,

    bravissimiiii !!
    Noi, da ragazzini, con una gagliarda Opel Agila 1000cc e la Columbus sopra ci siamo fatti mille giri per l’Europa e con grandissima soddisfazione !!
    Poi la famiglia è cresciuta con due gemelline (oggi 3 anni 🙂 ) e siamo passati alla VW Multivan T5…fantastica…..ma…..c’è un difetto che forse non avete elencato: il posizionamento della Columbus (o Maggiolina) sul tetto?!?
    Ma voi come fate? Ma la lasciate sempre su? O avete sviluppate una qualche tecnica o attrezzo che vi facilita la cosa senza mobilitare 6 persone robuste alte 2 metri 🙂
    Io ho il paranco della Thule montato nel garage, che per l’Agila andava benissimo ma ora con la Multivan è impossibile per via dell’altezza.

    Comunque, fare le vacanze così è uno spettacolo, senza obblighi, andando a 50 kmh più dei mansardati e parcheggiando come una normalissima auto!! E permettersi tanti w-e a prezzi irrisori ! Per la felicità delle nostre bimbe!!
    Ciao e buoni giri..magari una volta ci incrociamo !! Ah Ah !!

    • Monica Liverani 4 giugno 2015 al 23:51 - Rispondi

      Ciao Lorenzo, noi la Maggiolina la smontiamo ogni volta dopo l’uso, a meno che non si decida di andare via due weekend di seguito. La parcheggiamo attaccata al soffitto del grossp Car-pot che abbiamo a casa (ci stanno sotto 4 auto) e quando avevamo il Ford Galaxi bastava posizionare bene l’auto e far scendere la maggiolina dal tetto con un sistema di carrucole e un motore da tapparella elettrica. Adesso abbiamo uno Fiat scudo e se montiamo la maggiolina sotto il Car-Pot, poi non si esce più da lì perchè lo Scudo è più alto del Galaxi e un bel travone di legno impedisce i movimenti di auto e maggiolina (siamo troppo alti). Mio marito la fa scendere dal soffitto con le corde e il motore elettrico la mette su carrellino e la porta sotto un albero dove ha messo altre carrucole per aiutarsi a montarla sull’auto. Noi abbiamo tanto spazio e tanti alberi, ma il montaggio e lo smontaggio generalmente li fa sempre da solo.
      Io lo dico sempre, la Maggiolina regala libertà e velocità: martedì scorso siamo partiti alle 6.30 da Vienna e alle 14 eravamo a Riccione a vedere nostra figlia in gara. Sembra impossibile eppure noi con lei facciamo davvero quello che ci pare. Buoni giri anche a voi e speriamo di incrociarci!

  18. lorenzo 5 giugno 2015 al 13:15 - Rispondi

    Ciao, quindi anche voi avete avuto il mio stesso problema nel passaggio da auto a van…il van è più alto e non si riesce ad uscire, voi dal car port ed io dal garage.
    Per caso, avete una qualche foto del sistema che usate sull’albero per calare la maggiolina o mi puoi spiegare meglio come è fatto? Avete una paranco ed avete imbracato al tenda, suppongo… Mi sarebbe utilissimo! E con la scaletta laterale, ci arrivate lo stesso con quella originale? io ho quella da 4 gradini e sotto devo metterci uno scalino di plastica, tipo predellino. Grazie e buon w-e! Noi andremo a Pinarella!

    • Monica Liverani 5 giugno 2015 al 14:46 - Rispondi

      Si, nel cambio auto abbiamo avuto qualche problema, ma lo sapevamo anche prima di scegliere. Per il montaggio sull’albero, devo interpellare mio marito (di solito fa da solo e io devo salire in auto e partire)., mi faccio spiegare bene, come fa e poi te lo spiego.
      Per la scaletta, noi usiamo quella che era in dotazione, ma quella in alluminio (i nostri amici ne hanno due una in ferro e una in alluminio e sono entrambe di maggiolina), ma oltre alla scaletta non aggiungiamo niente altro. Abbiamo anche la veranda chiusa e per quella abbiamo dovuto fare una modifica perchè altrimenti sotto rimaneva tutto aperto. Ma niente di eccessivamente problematico. Buon weekend anche a voi… noi saremo a Riccione, ma solo domenica e senza maggiolina abbiamo un atleta da scarrozzare per le piscine della regione: per noi sole e cloro, al mare ci pensiamo verso luglio. Intanto mi faccio spiegare esattamente da mio marito come si organizza poi ti faccio sapere. Ciao e grazie

  19. Vale* 8 luglio 2015 al 10:59 - Rispondi

    Cavolo Monica complimenti veramente per l’articolo!!!!
    Io e il mio compagno, “tendaioli” da una vita il mese scorso abbiamo acquistato una maggiolina usata!
    Il nostro spirito di adattamento riflette molto il vostro, ma abbiamo optato per l’usato perché non eravamo certi della scelta… ma vedendo il tuo articolo direi che ora siamo certi della scelta!!!
    Unica grossa pecca che la maggiolina è veramente vecchiotta (circa 25/30 anni) e quindi non ha nessuna predisposizione per attaccarci tende/tendalini 🙁 quindi ci stiamo un po scervellando per capire cosa possiamo utilizzare da tendalino… quest’anno vorremmo fare 2 settimane con la maggiolina + doblò castelli della Loira e Normandia!!! hai qualche idea?!
    Il tuo articolo è veramente utilissimo, ma se per caso hai altri consigli, vista la meta, sono tutta orecchie!!!

    intanto grazie!

  20. Monica Liverani 9 luglio 2015 al 1:34 - Rispondi

    Ciao Vale*, grazie!
    Se siete tendaioli e adattabili, e vi piace muovervi avete fatto la scelta giusta di sicuro. Non importa se la maggiolina è vecchiotta noi il nostro prima viaggio in maggiolina l’abbiamo fatto con una Maggiolina in prestito dai nostri amici che loro avevano comprato già di terza manoe usato parecchio nei loro viaggi nel deserto. Non avrete problemi.
    Per quello che riguarda il tendalino, guarda che anche la nostra NON è un concentrato di tecnologia. Il tendalino è sorretto da un paloche si infila molto semplicemente dentro due asole sopra la porta della Maggiolina. guardate bene, magari due asole di stoffa ci sono e se non ci sono credo che qualche cosa si possa inventare, Io il Nord della Francia non l’ho ancora fatto, mia figlia si, (per questo non siamo ancora andati, ci andremo quando lei farà tutte le vacanze senza di noi) ma so per certo, perché i miei sono camperisti e hanno prestato attenzione, che le aree di sosta per camper sono davvero belle ed economiche in Francia, ricche di servizi e che le auto con Maggiolina sono accettate. Se ti viene in mente qualche cosa non esitare a chiedere! Buoni chilometri … in Maggiolina

    • Vale* 9 luglio 2015 al 13:21 - Rispondi

      Grazie Monica!
      stasera guarderò subito se ci sono le asole così mi tolgo un pensiero… speriamo!!!
      terrò comunque presente la tua preziosa disponibilità!!!
      Grazie ancora e buoni chilometri… in maggiolina anche a voi!

  21. Michele Bernardi 9 agosto 2015 al 7:46 - Rispondi

    Ciao. Vorrei sapere come si viene “trattati” nei camping a livello di costi. Visto che la maggiolina occupa più o meno lo spazio dell’auto si viene equiparati ad una tenda di medie dimensioni?

    • Monica Liverani 23 agosto 2015 al 22:25 - Rispondi

      Ciao Michele, scusami il tuo messaggio era finito nello SPAM. Oramai ti ho risposto per mail.

      Ciao

  22. Riccardo Basso 12 maggio 2016 al 11:58 - Rispondi

    Bellissima recensione!!!
    È da un po’ di tempo che sogno ad occhi aperti di organizzarmi un mezzo come il vostro.
    Alcune domande:
    – caricare la maggiolina sul tetto è fattibile da una persona sola?
    – quale altezza totale fa il mezzo con la tenda montata?
    – avete mai provato a dormire in montagna in autunno e/o primavera?
    – durante la marcia si sentono fastidiosi fruscii? avete mai pensato di usare uno spoiler anteriore?
    – avete mai trasportato kayak o surf sopra il guscio?

    Grazie e buon viaggio
    Riccardo

    • Monica Liverani 12 maggio 2016 al 15:24 - Rispondi

      Ciao Riccardo, rispondo in ordine alle tue domande:

      -caricare la Maggiolina da solo non è una cosa fattibile, considera che la Maggiolina, il modello che abbiamo noi, pesa 70 kg distribuiti su una superficie abbastanza impegnativa da sollevare da solo. Esiste anche un modello di Columbus (sono quelle che si aprono a compasso), in carbonio, quindi più leggera (ma più costosa), ma dato l’ingombro, solo solo credo che faresti fatica. Mio marito la monta da sola, ma con l’ausilio di una carrucola e di un motorino elettrico da tapparella che ha montato sul suffitto del car-pot dove parcheggiamo la macchina.

      – Ovviamente dipende dal mezzo. Noi abbiamo ora un mezzo Fiat Scudo, che è più alto del Ford Galaxy che avevamo in precedenza. Considera comunque di aggiungere all’altezza del tuo mezzo circa 10 cm. di barre portatutto e 30 cm. di maggiolina chiusa. Quando invece è aperta considera di aggiungere sempre i 10 cm di barre portatutto e 90 cm di maggiolina aperta.
      Abbiamo dormito in montagna, però in estate, ma ad altitudini abbastanza elevate (tipo 1700 mt) con temperature che sono scese fino a -5° e la neve tutta intorno a noi. Abbiamo pernottato anche a 2000 metri con temperature reali prossime allo zero e un vento devastante che dava un temperatura percepita molto più bassa. In primavera abbiamo affrontato altitudini meno elevate. ma con condizioni a volte peggiori dell’alta montagna. Se la tua preoccupazione il freddo, devi considerare che è come se dormissi in c