Nassfeld: una settimana bianca divertentissima!

Ti trovi qui: Viaggiare » Trips 4 teens » Nassfeld: una settimana bianca divertentissima!

Nassfeld: una settimana bianca divertentissima!

By | 2016-04-08T11:16:40+00:00 marzo 6th, 2016|Categories: Austria, Trips 4 teens|0 Commenti

L’inverno (se così si può definire viste le temperature) è arrivato lungo lungo e la neve adesso c’è davvero. Io avrei voglia di nuovo di andare a sciare e questa stagione è molto bella perché le giornate sono più lunghe. Io però la mia settimana bianca l’ho già fatta.

Anche quest’anno, come i 3 precedenti, sono andata in Austria a sciare da sola, più precisamente a Tröpolach; cittadina compresa nel [ilink url=”http://www.nassfeld.at/it” ]comprensorio sciistico[/ilink] di Nassfeld .

E come tutti gli altri anni mi sono divertita tantissimo, anche se quest’anno mi sono divertita ancora di più siccome eravamo un gruppo più numeroso.

Nassfeld e Tröpolach

Tröpolach è un piccolo paesino austriaco da cui si può usufruire del comprensorio sciistico di Nassfeld. È in Austria, poco distante dal confine con l’Italia, poco distante dal passo del Pramollo che divide l’Italia dall’Austria, provenendo dal Friuli Venezia Giulia. Da casa mia con i pulmini dell’organizzazione della settimana bianca, ci impieghiamo circa 6 ore, ma fermandoci a pranzare in un ristorante. Quest’anno però abbiamo fatto un po’ diverso perché avevamo un tappa obbligata a Treviso per recuperare una ragazzina.

Dove dormire a Nassfeld – Tröpolach

In questi anni, sono sempre stata ospite del JugendSportHotel Leitner. Questo hotel ospita tante comitive di ragazzi che vengono dall’Austria e dai Paesi limitrofi. Dico che è un hotel per ragazzi perché è costituito da camerate dove possono essere ospitate fino a 6 persone.  Le camere dell’hotel sono molto grandi, la mia stanza aveva 3 letti a castello e un angolo soggiorno con un tavolo e le panche a muro. C’è anche un armadio formato da dei cubetti a giorno dove riporre la roba piegata: piegata no! Buttavamo le cose come venivano però l’armadio lo usavamo. Avevamo un bagno a disposizione con due lavandini e la doccia. Il wc è in una stanza separata e il bidet non esiste (come in Francia). Stare in 6 insieme in una stanza aiuta a socializzare, ci siamo divertite molto a chiacchierare, ballare, pettinarci e a fare i compiti insieme.

Le sale per mangiare sono circa 10 e sono tutte piuttosto grandi: in una sola sala da pranzo ci stavamo tutti noi del nostro gruppo ed eravamo circa una quarantina di persone. Nell’ingresso a fianco della reception c’è una specie di negozio dove vengono vendute “schifezze”: patatine, coca cola, caramelle, cioccolata. Tutto ciò che serve ai ragazzi

La colazione è a buffet con affettati, pane, marmellata, yogurt, crema spalmabile alla nocciola, latte, thè, caffè. Al mattino, finita la colazione ci facevamo anche i panini da portarci dietro sulle piste per il pranzo.

La cena, che viene servita abbastanza presto,  prevede una zuppa calda come primo (che non era servita fino a quando tutti non erano a sedere o arrivati), carne o pizza o lasagne, tutti i tipi di verdura immersa nell’aceto e per finire il dolce. Diciamo che il cibo non è il forte degli austriaci visto che tutti i loro piatti erano a base o di aceto o di aglio. Inoltre nelle lasagne abbiamo ritrovato la carne che ci avevano servito il giorno prima oppure la pizza con il ketchup. Il cibo non è proprio il loro punto di forza, ma per una settimana, siamo sopravvissuti tutti.

Una giornata di sci a Nassfeld

Tutte le mattine ci si svegliava alle 07:10 per andare a fare colazione tutti insieme nella sala adibita a colazione e cena, e avere tempo per prepararsi per le 08:30.

Verso le 9 si arrivava agli impianti e, dopo essersi messi gli scarponi e caricati gli sci in spalla, si andava a prendere la prima ovovia che fa tre fermate: la prima fermata corrisponde all’ultimo pezzo di pista che facevamo per tornare a valle al pomeriggio, alla seconda ci sono tutti i rifugi dove, generalmente, ci ritrovavamo a pranzo e alla terza fermata c’è l’accesso a tutte le piste. Le piste del comprensorio sciistico di Nassfeld sono immerse nei boschi e per la maggior parte sono piste di tipo rosso. Di piste nere ce ne sono poche, quindi è un comprensorio che si adatta bene a tutte le specie di sciatore.

Nassfeld-Pramollo-Stazione-a-monte-seggiovia

nassfeld-pramollo-panoramica-dalle-piste

NAssfeld-pramollo-panoramica-piste

Dopo una mattinata di sciata intensa, a mezzogiorno e mezzo ci fermavamo a mangiare i panini o qualcosa comprato al rifugio come ad esempio la cioccolata calda o una buonissima Schnitzel, la famosa cotoletta austriaca, con le patatine fritte. Finito di pranzare, passavamo un po’ di tempo nel rifugio a parlare o a fare a pallate di neve.

Alle 2 si riprendeva a sciare cambiando accompagnatore, in modo da fare piste diverse e verso le 4 tornavamo al parcheggio degli impianti dove ci aspettavano i pulmini per ritornare in albergo. A volte ci si fermava anche a fare merenda in un rifugio sulle piste per prendere qualcosa di caldo da bere.Nassfeld-tropolach-pramollo-dalla-camera-dell'albergo

Tornati in hotel avevamo il tempo di riposarci un po’,  fare una doccia prima di andare a cenare o fare alcune attività pomeridiane, come ad esempio calcetto o basket nelle palestre dell’hotel. Eggià, mi sono dimenticata di dirti che l’hotel è dotato, al pianterreno, di tre palestre grandi come campi da calcetto, e anche di una discoteca con luci e impianto audio da autogestire, al piano interrato, dove abbiamo passato alcune serate.

Dopo cena facevamo varie attività, a seconda del giorno: guardare un film oppure andare ad arrampicare in una palestra vicina oppure a pattinare sul ghiaccio. In realtà a pattinare sul ghiaccio non siamo riusciti ad andarci perché quando siamo arrivati alla pista era chiusa.

Generalmente sulla 21:30/22:00 tornavamo in hotel per riposarci e affrontare la giornata successiva al meglio.

Rispetto all’anno scorso con il meteo abbiamo preso meglio perché a parte il secondo giorno, che ha nevicato, tutti gli altri giorni c’è stato il sole ed era abbastanza caldo.

 

E se non sai sciare? Vuoi sapere cosa fare a Nassfeld? Nassfeld-Pramollo-skilift

Impari! I nostri accompagnatori sono maestri di sci, e noi siamo divisi in gruppi a seconda del livello di sci che abbiamo. Anche chi non ha mai messo gli sci ai piedi, arriva all’ultimo giorno che riesce a fare anche le piste rosse, e si diverte tanto in nostra compagnia.

 

È stata un’esperienza bellissima come tutti gli altri anni e, nonostante ci sia già stata altre volte, continuo a divertirmi.

Questa settimana bianca è organizzata da un’associazione della mia città, [ilink url=”https://www.facebook.com/Montagnavventuraasd”]Montagnavventura[/ilink] , ma puoi partecipare anche se non abiti vicino a me: quest’anno abbiamo fatto tappa in andata e ritorno all’aeroporto di Treviso per recuperare Costanza che dalla Sardegna ha preso un aereo, da sola, per provare lo sci per la prima volta e per divertirsi in nostra compagnia.

 

Altre notizie su Nassfeld non ne ho scritte, ma mamma ha scritto alcuni post su altre località sciistiche. Guarda:

Uno dei primi posti dove ho sciato io ➡ [ilink url=”https://www.ideedituttounpo.it/valle-aurina/” style=”tick”]Valle Aurina: alla fine del mondo[/ilink]

Sciare in Svizzera arrivando a monte delle piste con il treno ➡  [ilink url=”https://www.ideedituttounpo.it/zermatt-trenino/” style=”tick”]Zermatt: sulle piste da sci con il treno[/ilink]

Un fine settimana sugli sci con gli amici  ➡ [ilink url=”https://www.ideedituttounpo.it/selva-di-val-gardena-un-weekend-tra-amici-sugli-sci/” style=”tick”]Selva di Val Gardena: un weekend tra amici sugli sci[/ilink]

 

 

Iscriviti alla Newsletter

* indicates required
Acconsenti al trattamento dei dati personali *




About the Author:

Figlia di una tutto fare travel blogger. Viaggio con i miei genitori ma a volte me li dimentico a casa. Quando non nuoto, non studio o non mangio ubbidisco alla mia mamma (ovvero mai)

Scrivi un commento