Valencia cosa vedere

Ti trovi qui: Viaggiare » Europa » Spagna » Valencia cosa vedere

Valencia cosa vedere

By | 2017-01-15T21:19:34+00:00 aprile 9th, 2016|Categories: Spagna|Tags: |2 Comments

Valencia, la terza città della Spagna, esercita, su buona parte della popolazione viaggiante e non, un certo fascino. Io, dopo averla attraversata quasi di corsa, averle dedicato solamente una notte e mezzo e un giorno intero per lasciarmi cuocere dal suo sole, ho deciso che le devo dare un’altra possibilità. Anche perché mi pare che ci sia la coda per andare a Valencia e che, chi ci va, torni pure molto soddisfatto.

cosa vedere a valencia cattedrale

Non è che a me non sia piaciuta, anzi, il palazzo della Lonja mi è sembrato davvero bellissimo da meritare la visita che non ho fatto per mancanza di tempo, ma direi che di cose da vedere, che io non ho assolutamente visto, ce ne sono parecchie!

cosa vedere a Valencia la lonja esterno

Magari un buco libero, un weekend lungo si riesce anche a trovare prima della fine dell’anno monitorando i voli aerei potrebbe anche essere non troppo dispendioso: Ryanair vola da Bologna a Valencia 7 volte alla settimana,  mentre da Orio al Serio, Valencia è collegata all’Italia addirittura con 14 voli a settimana.

Valencia cosa vedere 

Le spiagge e la movida da spiaggia di Valencia

In quell’unico giorno che abbiamo sostato a Valencia, non ne abbiamo vista nemmeno una. Eravamo alloggiati presso un’area di sosta appena aperta (ti racconterò la storia quanto prima) e il gestore quando, siamo rientrati dalla nostra escursione giornaliera, è stata la prima cosa che ci ha chiesto: avete visto la spiaggia, la gente, i giovani? Alla nostra risposta negativa, si è un po’ corrucciato e ci ha spiegato che la spiaggia di Valencia è molto grande, molto viva, molto frequentata da giovani, bella gente, movimento e tanto divertimento.

La Lonja, lo storico mercato della Seta del XV secolo.

Il simbolo della supremazia commerciale di Valencia che riuniva al suo interno i più grandi mercanti di seta che contrattavano e transavano il prezioso tessuto che è stato tanto importante per la città e per le zone limitrofi. Vedo ancora quelle sbarre davanti agli occhi, che da dentro all’ingresso, dove c’è la biglietteria, danno su un cortile interno con aranceto. Sembrava una finestra fatta apposta per far crescere la curiosità in chi è ancora indeciso se entrare oppure no.

Valencia cosa vedere la finestra della Lonja

Il Mercat Central di Valencia.

L’ho già visto, è vero, e mi è anche piaciuto tanto, ma visto che i mercati sono i luoghi cittadini che in famiglia mettono d’accordo tutti, un’altra visita non può che essere un piacevole momento di svago, e di cultura enogastronomica spagnola. Si lo ammetto, ci andrei di nuovo per mangiare: pranzo, merenda, colazione, l’esposizione di prodotti è così vasta che non c’è che l’imbarazzo della scelta. Oltre ai sapori e ai profumi, sai che cosa mi ha colpito tantissimo dei prodotti esposti? Dimensioni e colori: frutti enormi e sani, pesci con colori sgargianti, rastrelliere di jamon Iberico che non finivano più. Assaggi di ogni tipo, biscotti particolari, paelle espresso da assaggio, e la luce! La costruzione che ospita il Mercat Central è luminosissima e i colori dei prodotti risaltano ancora di più.

valencia cosa vedere mercat central

valencia cosa vedere Mercat Central

Parco oceanografico di Valencia

Nella nostra brevissima toccata e fuga, l’intenzione era quella di portare Carlotta al Museo delle Scienze di Valencia. Non ne saltiamo uno. In ogni città lo cerchiamo e lo visitiamo e , generalmente ci perdiamo almeno una mezza giornata. Nel zona de Ciutat de les Arts i les Ciències di Valencia, l’offerta è varia. Già tutto il quartiere, se così vogliamo chiamarlo è assolutamente scenografico e merita la visita. Quando arrivi attraversando i giardini del Turia, che già di per sè, valgono la passeggiata, la città della Scienza e delle Arti appare abbagliante nel sole valenciano. I colori chiari dall’azzurro al bianco, delle costruzioni che fanno parte di questa avveniristica e scenografica zona, mescolati all’elemento acqua, presente in ogni dove, lasciano davvero senza fiato. Noi abbiamo visto solo il Museo della Scienza, come da nostra abitudine, l’oceanografico che si trova proprio davanti all’ingresso del Museo, è immenso, è il più grande d’Europa e contiene, al suo interno, tesori da tutti gli Oceani del mondo. Avevamo già visto quello di Genova, che è il secondo più grande, e abbiamo tralasciato questo. Un altro ottimo motivo per una Escápate a Valencia.

Valencia cosa vedere parco oceanografico

Valencia cosa vedere Parco oceanografico

Fallas di Valencia

Questa mi manca, questa festa, non avrei potuto vederla nemmeno se avessi più tempo, perché si svolge nel mese di marzo, e io sono andata ad Agosto. La Fallas è la festa che celebra la primavera, la rinascita e l’allungarsi delle giornate. Strade piene di allegria, di colori, satira, arte e tradizione. I valenciani vivono al mssimo questa festa, in sui lo scopo principale e salutare la nuova stagione e bruciare tutto il negativo per rinascere nuovamente. La festa è  l’esaltazione dello spirito festaiolo degli spagnoli, una festa che dura una ventina di giorni con momenti salienti che si svolgono negli ultimi 4 giorni, con il rogo di tutte le Fallas. Ci sono musei che illustrano l’arte delle Fallas, che si possono visitare in ogni momento dell’anno, ma per me non sarebbe la stessa cosa vedere il Museo e partecipare alla festa.

Ho praticamente già organizzato la prossima Escápate a Valencia: attendo voli favorevoli, cerco un alloggio basico e mi informo con l’Ufficio del Turismo di Valencia sugli orari e sui biglietti di tutte le attrazioni che ho scelto.

Adesso mi è proprio venuta voglia di andare, anche perché Valencia è la terra natia della paella e io quella non l’ho nemmeno assaggiata nella sua terra di origine.

Vado subito a monitorare i voli da Bologna, non si sa mai che l’occasione arrivi prima del previsto


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori
Acconsenti al trattamento dei dati personali *
Puoi ricevere Newsletter, Post o entrambi. Scegli tu! 😉

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto.
Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner
Ah… ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

2 Commenti

  1. sabrina 13 giugno 2016 al 14:35 - Rispondi

    Sono passata velocemente da Valencia, troppo velocemente. Dovrei assolutamente farci ritorno. Il mercato central è sicuramente una delle cose che non voglio perdermi!

    • Monica Liverani 13 giugno 2016 al 15:06 - Rispondi

      Alla fine, anche per me è stato un passaggio troppo veloce, ci sarebbero alcune cosine che devo assolutamente vedere.

Scrivi un commento

Lavori Recenti