Calvi in Corsica: la regione della Balagna

Ti trovi qui: Viaggiare » Europa » Francia » Calvi in Corsica: la regione della Balagna

Calvi in Corsica: la regione della Balagna

By | 2017-07-30T15:54:50+00:00 luglio 27th, 2017|Categories: Francia|Tags: , , |0 Commenti

Calvi e l’Ile Rouse le ho sempre considerate due cittadine troppo turistiche e possibilmente da evitare nel mese di Agosto. A maggio, ho scoperto due cittadine, di mare, attaccate fortemente alla terra, che giustificano da sole il soprannome dell’intera Corsica: Île de Beauté. Scoprire una regione di mare attraverso il suo territorio.

Se la prima volta che sono andata in Corsica, ho saltato la visita di questa regione, probabilmente è perchè non l’avevo ritenuta abbastanza interessante come le altre tappe del mio tour, non tutta visto che la spiaggia della Saleccia rientra nella regione e quella l’ho vista. Se ora sono qui che te ne parlo è perchè l’ho scoperta e ritengo che possa essere una regione interessante dove scoprire che un ‘isola non vive di solo mare, ma anche della terra, e nel cado della Corsica anche della macchia mediterranea

Poche sere fa, a cena con amici che sono in partenza per la Corsica, ho parlato del mio itinterario inserendo anche questa regione che credo diventerà nel loro tour un punto di appoggio per visitare la zona circostante, fino a Porto, la riserva della Scandola e i paesini dell’entroterra come Sant’Antonino , che può vantare il primato di aver ottenuto il marchio di “Villaggi più belli di Francia”

Io oggi però ti voglio parlare della Balagna costiera, quella che non mi aveva attratto ma che ho potuto conoscere in occasione del blogtour #BlogsessionInCorsica organizzato da  Corsica Ferries

Te la racconto come l’ho raccontata ai miei amici l’altra sera a tavola per suggerire le tappe del loro tour.

Calvi, la cittadella fortificata

Calvì è una cittadella fortificata, un avanposto di guardia, un presidio militare che guardava verso il mare per difendere la terra dalle insidie che arrivavano dal mare: i conquistatori stranieri. Quella della Corsica è una storia tormentata che passa attraverso diverse dominazioni, attraverso il potere esercitato dagli stranieri sui Corsi, una storia fatta di personaggi famossissimi con un legame fortissimo con questa isola di governo francese e di geografia italiana. Indipendente dal punto di vista del carattere.

Cristoforo Colombo a Calvi

A Calvì sotto le mura fortificate della cittadella, c’è un busto in onore di Cristoforo Colombo. Non fa strano che il grande navigatore fosse arrivato su quest’isola, ma ai Corsi piace vantarsi del fatto che Cristoforo Colombo abbia origini Corse. Per questo nella cittadella ci sono molti richiami al navigatore. In via ufficiale non esistono prove della sua nascita in questa cittadina, ma nell’archivio della Compagnia delle Indie di Siviglia, ci sono documenti storici che provano che i galeoni diretti in Spagna fermavano a Calvì, quindi di può dedurre che anche Cristoforo Colombo sia passato da Calvì e non è da escludere che avesse preso casa o che avesse trasferito la famiglia o qualche affare in questa cittadina.

Calvì è arroccata su uno sperone, ai piedi delle sue mura si può godere dei colori caratteristici del mare di Corsica e anche del caratteristico panorama punteggiato da torri di avvistamento aggrappate alle scogliere più avanzate nel mare. La cittadella che è belllissima nella sua architettura militare, e che domina dall’alto il tratto di mare antistante, il porto di Calvi e la spiaggia, ti offre degli scorci particolarmente belli e scenografici.

Calvì panoramica

Angoli scenografici di Calvì

Calvi particolari

Particolari di Calvì dentro le mura

La spiaggia di maggio non tradisce le aspettative, l’acqua del mare è cristallina in tutte le sfumature del cobalto e dello smeraldo, le foglie di posidonia le regalano quell’aspetto selvaggio che probabilmente un pochino perde in agosto.

La spiaggia di Calvi

La spiaggia di Calvi non è bella perchè particolare come spiaggia, è bella per la visuale che regala. Una delle serate che ci è stata riservata durante il blogtour prevedeva la cena in spiaggia con i piedi nella sabbia: una vista superba sulla porto turistico, sulla cittadella arroccata, tutto condito da un tramonto limpido e da un serata di calma che nessuno si sarebbe aspettato visto che durante la giornata il vento sferzante era stato una costante

Calvì al tramonto

Dalla spiaggia di Calvì una veduta suggestica della cittadella fortificata

Balagna destinazione del benessere

Una delle ragioni che ci hanno portato nella Balagna è stata la partecipazione ad un evento dedicato al benessere.

O meglio dedicato ai prodotti della macchia mediterranea della Corsica e in particolare della regione della Balagna. L’evento ” incontri del benessere” , serviva per mostrare la produzione di prodotti naturali dedicati al benessere e alla bellezza prodotti con le erbe, i fiori e quello che la natura dell’isola può offire.

Tra le casette di legno che servivano da spazi espositivi per gli artigiani produttori, ho scoperto un fiorellino spontaneo della macchina che ha un nome che è tutto un programma, in francese, e che viene inpiegato nelle più varie preparazioni: dai saponi, agli oli essenziali, alle creme per il viso e per il corpo.

calvi incontri del benessere

Oli essensiali, creme e profumi con i prodotti della macchia mediterranea della Balagna

Un fiorellino magico con un nome davvero altisonante

Immortelle: l’elicriso, il fiore di bellezza dell’Île de Beauté.

Immortelle! E il nome non è un caso. I prodotti di bellezza che vengono prodotti con questo fiore, promettono di rendere immortale il tuo aspetto. Si perchè il nome francese che ha tutta una sua musicalità, non è mica un caso: l’Immortelle non appassisce mai nemmeno dopo la raccolta e questa caratteritica la dice lunga su quanto promettono i prodotti creati con i suoi componenti.

Cavli elicriso

L’elicriso è chiamato anche Immortelle, per la sua caratteristica di non appassire nemmeno dopo essere stato reciso

Viste le proprietà e visto anche l’ambiente della macchia mediterranea di Corsica, particolarmente adatto allo sviluppo di questa erba spontanea, che cresce in terreni rocciosi, in ambienti molto esposti al sole, nella regione della Balagna sono state avviate anche coltivazioni biologiche di questo miracoloso prodotto della natura (che ad onor del vero possiede anche notevoli doti curative per problemi medici non legati all’estetica).

Ora sono perdutamente innamorata di questo fiorellino, del suo nome e possiedo un corredo notevole di bigliettini da visita di produttori  che possiedono un e-commerce online e spediscono in italia  😆

Ile rousse

L’Ile Rousse è una di quelle località che ho sempre creduto essere particolarmente snob. Ma io sono un po’ prevenuta dalla musicalità del nome. Certo vedere questa località a maggio non è la stessa cosa che vederla in agosto, e per le condizioni climatiche che la cittadina ci aveva riservato per il nostro passaggio mi è sembrata, invece, aspra e selvaggia. Sferzata da raffiche di vento a 120 km/h, il cielo terso e i colori del mare, dell’elicriso e del verde che sembravano modificati aritificialmente nel contrasto.

Calvi Ile rousse

Scorci di Ile Rousse

La “vera” Ile Rousse è un piccolo promontorio allungato verso il mare che deve il suo nome al colore della roccia, abbastanza tipico sul lato ovest della Corsica, è sovrastata da un torre genovese che può essere raggiunta a piedi o con un trenino, e ha messo in mostra, nella giornata in cui ci sono passata io, tutta la forza del mare e del vento.

Calvi Ile rousse

Vista sul Porto di Ile Rousse

È contornata da spiagge che dicono essere meravigliose, ma che non ho potuto visitare per via del meteo non proprio favorevole e del tempo che è stato davvero tiranno.

Tornando ai consigli che ho dato agli amici l’altra sera c’è un’altra ragione che mi ha fatto pensare che questa regione potesse essere adatta per essere inserita nel loro tour:

Il trenino della Balagne o trenino delle spiagge

Il trenino della Balagne è un servizio estivo che viene svolto a favore del turismo da Calvì a Ile Rousse che fa fermate ad ogni spiaggia.

I binari passano talmente vicino alla spiaggia e al mare, in alcuni tratti, che è davvero come fare un viaggio in una posizione provilegiata.

Su alcuni tratti, come ad esempio sulla Spiaggia di Calvi devi attraersare i binari per poter accedere alla sabbia.

Calvi trenino della Balagne

La linea ferroviara del “Trenino delle Spiagge”

La rete ferroviaria Corsa che viene affettuosmente chiamata U trinichelluè una rete un pochino più ampia del tratto che costeggia le spiagge della Balagna perchè arriva prende vita Ponte Leccia, nel centro della Corsica, in montagna e si dirama verso Bastia, verso le spiagge della Balagna e verso Ajaccio passando da Corte, indicata come uno dei luoghi montani della Corsica da non perdere assolutamente.

Per chi, come i miei amici, non ha voglia di mettersi alla prova sulle strade un po’ ostiche della Corsica, U trinichellu, è davvero un’occasione per visitare le spiaggie, ma anche per arrivare nella zona di montagna (che anche io vorrei visitare).

Chi scommette con me che la Balagna verrà inserita nel tour di questi amici?

Comunque ne devo raccontare ancora, perchè ho visto anche Bastia, perchè ho (ri)scoperto il Brocciu, apprezzato il Patrimonio, e imparato come mai i Corsi hanno la nomea di essere un popolo un po’ difficile.

Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori
Acconsenti al trattamento dei dati personali *
Puoi ricevere Newsletter, Post o entrambi. Scegli tu! 😉

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

Scrivi un commento