Sanliurfa: un assaggio di Medioriente

Ti trovi qui: Viaggiare » Asia » Turchia » Sanliurfa: un assaggio di Medioriente

Sanliurfa: un assaggio di Medioriente

Un altro assaggio di Medioriente per noi è stata Sanliurfa, 46 km a nord di Harran.
Un altro posto”mistico” con la sua bella leggenda, con il suo mito.
Sanliurfa è la città di Abramo, si dice che sia nato qui. si dice che abbia distrutto gli dei pagani e che quindi il re Assiro per punizione lo condannò a bruciare sulla piazza, ma Dio lo salvò trasformando la piazza in una piscina e le braci in carpe.
sanliurfa_carlotta_carpe Le carpe sono sacre: non si possono toccare, non si possono pescare, si possono solo nutrire e sono grosse e grasse da far spavento.
Qui siamo in Asia, qui nessuna donna, nessuna ragazza è vestita all’occidentale: hanno tutte gonne lunghe, maglie a maniche lunghe, e foulard in testa, le ragazzine di 15/16 anni portano, sopra tutta quella roba anche un trench fermato in vita dalla cintura, e il foulard in testa bello tirato infilato a modo di passamontagna dentro il collo del trench. Santo Cielo! Come fanno? Ci sono 45°.
La cittadella ruota tutta intorno alla piscina delle Carpe, dove c’è un giardino, dove per la seconda volta nello stesso giorno ci siamo trovati in mezzo ad un funerale, solo che questa volta eravamo a piedi e loro correvano tutti da una parte con la salma tenuta in alto e poi tutti hanno scavalcato un muro insieme al defunto. Non abbiamo capito bene per quale ragione.
Sanliurfa_Giardini sanliurfa_carlotta_fontanaIl giardino all’interno della Cittadella è molto ben tenuto e ombreggiato, ma ci sono pur sempre 45°… questa è una città di pellegrinaggi… vengono in pellegrinaggio per Abramo, questa è una città dove l’Islam e il Cristianesimo si sono incrociati, uniti e poi divisi, questa è una città situata in un punto strategico della Via della Seta, una città contesa da tantissimi conquistatori porprio per la sua posizione, questa è una grossa città da un milione di abitanti.
Nel parco ci fermiamo a mangiare in un ristorante e ordiniamo quanto di più sbagliato possiamo ordinare… non perchè non ci piaccia, ma questa specie di pizza che ci viene servita, ricoperta di carne macinata è talmente piccante che oltre a sudare fuori per i 45° dell’aria, sudiamo anche dentro per la quantità di piccante di questa specialità….
Con notevole fatica ci addentriamo nel bazar di Urfa… questo è il Bazar: questa è vita vera, questi non sono prodotti per turisti.
Il bazar di Urfa è meraviglioso. Sanliurfa_bambini Sanliurfa_verdura_secca
I bambini ci corrono dietro per farsi fotografare… ragazzetti furbetti e svegli che fanno l’occhiolino e i commenti alla mia Topo come se fossero uomini navigati…
la bottega del barbiere, ti riporta indietro agli anni 50, gli uomini sono seduti a chiaccherare fuori dalle botteghe
I tessuti in vendita sono ricchissimi… sono colorati luccicanti, barocchi come tanti abiti che indossano le donne…
e poi i colori delle collane di verdure secche e il negozio del fabbro, il fabbro che lavora il ferro con il fuoco, l’incudine e il martello…
e il falegname che fuori dal suo negozio pialla a mano in mezzo alla gente che passa.
Questo è un bazar VERO!
E nell’insieme delle bancarelle, e dei negozi, insieme al negoziante che ti vende succo di carrube in sacchetti di plastica tipo quelli del freezer chiusi in modo artigianale con un nodo, un anziano…di una dolcezza e di una gentilezza unici…. che aveva 6 foulard appoggiati sullo schienale di una sedia da vendere.
Qui bisogna contrattare più che mai, ma non ne avevamo voglia: aveva solo 6 foulard da vendere, non gli è piaciuta questa cosa che non volessimo contrattare ed è andato a chiamare un giovane yuppy “Urfano” in giacca e cravatta per farci spiegare che bisognava contrattare. E così abbiamo fatto, ma di foulard ne abbiamo comprati 2, di quelli che tutte le donne portano qui… e la Topo ha fatto da modella…
Qui abbiamo assaggiato davvero il Medioriente!!!
By | 2016-04-16T14:02:31+00:00 ottobre 9th, 2012|Turchia|2 Comments

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

2 Commenti

  1. Un assaggio di Medioriente: vicini vicini ad un mondo così lontano! http://t.co/jXMS7cHcMf

  2. Un assaggio di Medioriente: vicini vicini ad un mondo così lontano! http://t.co/jXMS7cHcMf http://t.co/uWb5sE2xVW

Scrivi un commento