Organizzare un viaggio a: Tallin

Ti trovi qui: Un viaggio a... » Organizzare un viaggio a: Tallin

Organizzare un viaggio a: Tallin

Sembra che organizzare un viaggio a Tallin non sia così semplice.

Le notizie in rete non sono tantissime, ovvero non sono tantissime quelle che ricerco io, probabilmente è una destinazione non particolarmente battuta dal turismo On the road.

Probabilmente è una destinazione abbastanza recente da non essere ancora inseguita dalla massa dei turisti.

Ho trovato in rete un sito di due giornalisti, camperisti, che in Estonia ci sono stati davvero e dei loro viaggi scrivono libri-guide, che per il mio travel-mood ho trovato molto interessante. La guida si chiama [ilink url=”http://www.leviedelcamper.it/baltico.asp” style=”tick”]Obiettivo Polonia e Repubbliche Baltiche[/ilink] , fornisce vari itinerari già provati e sperimentati, corredati da notizie di interesse storico, artistico, culturale e dell’indicazione dei campeggi e delle aree di sosta, con relative coordinate GPS dove è possibile sostare.

Ho contattato l’Ufficio del Turismo Estone in Italia, nonostante abbia avuto qualche difficoltà a rapportarmi con loro, mi hanno inviato qualche informazione particolarmente utile per chi come me cerca nel campeggio la struttura per la sosta.

L’ufficio del Turismo ha sviluppato un sito che raccoglie i [ilink url=”http://www.camping-estonia.ee/” style=”tick”]campeggi Estoni[/ilink] per poter valutare nel modo più comodo possibile le possibilità di sosta.

Per quanto riguarda le guide cartacee, che nonostante tutto mi piace  continuare comprare, ho deciso di acquistare la cartina stradale di Marco Polo, e la guida delle Repubbliche Baltiche della Lonely Planet. Al momento dell’acquisto tramite l'[ilink url=”http://shop.lonelyplanetitalia.it/europa/estonia-lettonia-lituania” style=”tick”]E-shop di Edt[/ilink] , la casa editrice di Lonely Planet e di Marco Polo, c’è stato un piccolo disguido e sembrava che io non potessi avere la mia guida per il mio viaggio, ma devo dire che il Customer care della EDT ha attuato una strategia di Crisis Management perfetta, veloce, cortese e improntata alla soddisfazione del cliente, guadagnandosi la fidelizzazione del cliente, io, anche per i miei prossimi viaggi!

Ho avuto un altro suggerimento interessante durante uno scambio di tweet con [ilink url=”https://twitter.com/lonelyplanet_it?lang=it” style=”tick”]LonelyPlanetItalia[/ilink]: sul  sito [ilink url=”http://www.inyourpocket.com/” style=”tick”]In Your Pocket [/ilink], ci si può tenere aggiornati sugli eventi di varie località e pare che a Tallin ci siano un’infinità di festival musicali particolarmente seguiti.

Cosa mangiare a Tallin

Argomento classico per una visita in un luogo completamente sconosciuto, non è possibile, conoscere ed apprezzare un luogo senza assaggiare i piatti tipici, quindi non si possono perdere i consigli di [ilink url=”http://www.lamiaestonia.it/it/gastronomia” style=”tick”]Gianluigi[/ilink]   che a Tallin ci va da 3 a 4 volte all’anno, credo che assaggerò il loro antipasto tipico, il Sult, e il Leib, il pane nero, ma per il pesce affumicato ci dovrò ragionare un po’  😆 :lol:.

Mi dovrò segnare qualche nome dei [ilink url=”http://www.scimmieinviaggio.it/europa/tallinn/dove-mangiare/” style=”tick”]piatti indicati dalle Scimmie in Viaggio[/ilink] , altrimenti ho paura che farò mangiare al mio tradizionalissimo marito qualche cosa per cui potrebbe chiedere il divorzio.

Credevo che l’Estonia fosse patria di buona birra artigianale, ma [ilink url=”http://www.cronachedibirra.it/viaggi/4773/la-mia-estate-tallinn/” style=”tick”]Cronache di Birra[/ilink], mi ha fatto ricredere subito: il meglio della birra Artigianale si trova a Riga in Lettonia, mentre dal punto di vista della produzione di un prodotto con un certo livello qualitativo pare che Tallin non sia all’altezza. Andrea di Cronache di Birra, nella sua ricerca a Tallin salva un locale che, ho già verificato esistere ancora perché il suo articolo è un pochino datato.

Tallin Patrimonio Mondiale dell’Unesco.

Il centro Medioevale di Tallin è protetto dall’Unesco, non credo che avremo difficoltà a trovare qualche cosa da fare e visitare, ancora non mi riesco a rendere conto della grandezza di questa città e quindi a capire quanto tempo di dovrò investire per godermela al meglio, di sicuro, oltre a seguire le indicazioni che troverò sulle guide che porterò con me non mancherò di seguire i consigli di [ilink url=”https://gaetanolopresti.wordpress.com/2015/04/06/appunti-di-viaggio-la-mia-tallin-aprile-2015/” style=”tick”]Gaetano Lo Presti[/ilink] che ha scritto un articolo che, tra quelli che ho trovato in rete, è uno dei più recenti.

E tu sei mi stato a Tallin? Hai dei suggerimenti utili che potrei utilizzare durante la mia visita? Io non vedo l’ora di conoscere le tue “chicche” su questa destinazione, lasciami un commento qui sotto

[template id=”6333″]

 

 

By | 2015-08-02T10:10:45+00:00 agosto 2nd, 2015|Un viaggio a...|0 Commenti

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

Scrivi un commento