Un viaggio a: Auschwitz

Ti trovi qui: Un viaggio a... » Un viaggio a: Auschwitz

Un viaggio a: Auschwitz

Questo è posto particolare, questo è un viaggio diverso.

Per Auschwitz bisogna trovare info utili non solo per arrivare, sostare entrare e fare la visita, per entrare in questo posto credo che sia assolutamente necessario organizzare prima di tutto la mente e il cuore.

Prima di organizzare un viaggio ad Auschwitz, bisogna essere talmente organizzati nell’anima per essere sicuri di affrontare la potenza psicologicamente devastante del luogo.

Soprattutto se si deve decidere se la piccola di casa possa essere abbastanza matura, abbastanza preparata e forte per affrontare l’impatto.

Ci sono letture intense e abbastanza dettagliate, foto fin troppo esplicite nella rete e bisogna cominciare da lì prima di decidere dove dormire quando si è nelle vicinanze.

[ilink url=”http://www.viaggideimesupi.com/2015/01/27/visitare-auschwitz-e-birkenau/” style=”tick”]Lucia[/ilink] ha scritto un resoconto molto lungo e molto crudo

Le immagini di [ilink url=”http://www.appuntidiviaggio.net/europa/item/116-visitare-i-campi-di-concentramento-di-auschwitz-birkenau” style=”tick”]Deborah[/ilink], ed [ilink url=”http://viaggiatorineltempo.blogspot.it/2014/09/campo-di-concentramento-di-auschwitz.html” style=”tick”]Eleonora[/ilink] lasciano spazio di rilfessione, rendono il posto quasi sereno, adesso che sono rimaste solo le anime.

Questi li ho letti io, lei è già pronta da anni con quello che ha studiato a scuola, con la casa di Anna Frank, con la Casa del Terrore.

Con ricerche su internet di foto, immagini, storie vere.

Crede di essere pronta, ma nessuno può esserlo davvero.

Stabilito che siamo pronti bisogna comunque organizzare il viaggio e quindi annessi e connessi come la sosta, l’ingresso, gli orari.

Per la notte si può provare [ilink url=”http://auschwitz.org/en/” style=”tick”]la sosta nel parcheggio[/ilink] del sito, non sapendo come potremmo essere considerati con la nostra Maggiolina è meglio procurarsi un’alternativa e in loco si valuterà il da farsi.

Il piano B è un[ilink url=”http://www.campercontact.com/it/polonia/polen-zo-10-14-15-16/oswiecim/29309/area-di-sosta-camper-camping-centrum-ul-m-kolbego-1-ozwiecim-auschwitz-polen.aspx” style=”tick”] campeggio[/ilink]  molto vicino al Campo.

Penso che fare una visita in un posto del genere, anche se molto esaustivo, sia necessario farsi accompagnare da qualcuno che conosce e racconta, prenotando il tour e la visita nel [ilink url=”http://auschwitz.org/en/” style=”tick”]sito ufficiale[/ilink] .

Noi adesso saremmo pronti.

Tu che ne pensi? Sei mai stato ad Auschwitz? Vuoi suggerirmi una soluzione alternativa a quelle che ho trovato io oppure inviarmi il tuo racconto sulla tua visita? Lasciami il link nei commenti, sarò ben felice di continuare a prepararmi a questa difficile destinazione.

 

[template id=”6333″]

 

 

 

 

 

 

By | 2016-04-07T23:25:04+00:00 luglio 26th, 2015|Un viaggio a...|0 Commenti

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

Scrivi un commento