Tombola dell’Avvento: estrazione del 11 dicembre 2013

Ti trovi qui: Dire » Tombola dell’Avvento: estrazione del 11 dicembre 2013

Tombola dell’Avvento: estrazione del 11 dicembre 2013

#TomboladellAvvento

biscotti stelle di natale marzapaneLa leggenda dell’omino di marzapane

Racconta la leggenda che un giorno una vecchina decise di prepare un biscotto a forma di omino di marzapane: impastò la farina, preparò l’impasto, gli diede la forma desiderata, utilizzò l’uvetta per fargli gli occhi, le mentine per i denti, la glassa al posto dei capelli. Quindi, lo infornò. Quando il biscotto fu pronto, la vecchina aprì il forno per prenderne un pezzetto da mangiare ma…. Sorpresa…. L’Omino di Marzapane, con un grande balzò, scappò via. La vecchina, incredula, gli corse dietro: Fermati, fermati – gridava – Ti voglio mangiare!
Ma l’Omino di Marzapane non si fermò e continuò a correre sempre più velocemente, rispondendole di rimando:
Corri, corri più veloce che puoi. Tanto non riuscirai a prendermi. Io sono l’Omino di Marzapane!

L’Omino di Marzapane arrivò nel cortile. Dove il marito della vecchina stava facendo la legna.
Fermati, fermati
– gli gridò anche lui – Ti voglio mangiare!
Ma l’Omino di Marzapane non si fermò e continuò a correre sempre più velocemente, rispondendole di rimando:
Sono sfuggito alla vecchina. Corri, corri più veloce che puoi. Tanto non riuscirai a prendermi. Io sono l’Omino di Marzapane!

L’Omino di Marzapane corse veloce fino alla porcilaia. Dove i maiali, quando lo videro, gli gridarono:
Fermati, fermati. Ti vogliamo mangiare!
Ma l’Omino di Marzapane non si fermò e continuò a correre sempre più velocemente, rispondendole di rimando:
Sono sfuggito alla vecchina. Sono sfuggito a suo marito. Correte, corretei più veloce che potete. Tanto non riuscirete a prendermi. Io sono l’Omino di Marzapane!

L’Omino di Marzapane corse fino al prato dove lo aspettava il cane:
Fermati, fermati. Ti vogliamo mangiare! – gridò il cane.
Ma l’Omino di Marzapane non si fermò e continuò a correre sempre più velocemente, rispondendole di rimando:
Sono sfuggito alla vecchina. Sono sfuggito a suo marito. Sono sfuggito ai maiali. Corri, corri più veloce che puoi. Tanto non riuscirai a prendermi. Io sono l’Omino di Marzapane!

L’Omino di Marzapane corse fino al pascolo dove lo vide una mucca:
Fermati, fermati. Ti vogliamo mangiare! – gli gridò.
Ma l’Omino di Marzapane non si fermò e continuò a correre sempre più velocemente, rispondendole di rimando:
Sono sfuggito alla vecchina. Sono sfuggito a suo marito. Sono sfuggito ai maiali. Sono sfuggito al cane. Corri, corri più veloce che puoi. Tanto non riuscirai a prendermi. Io sono l’Omino di Marzapane!

L’Omino di Marzapane corse fino al fiume. E vicino al fiume c’era una volpe che quando lo vide gli domandò:
Vuoi un passaggio per attraversare il fiume? Io posso aiutarti.
E l’Omino di Marzapane accettò di buon grado. Quando si trovarono circa a metà del tragitto, la volpe gentilmente gli disse:
Qui l’acqua è alta. É meglio se sali sul mio naso in modo da non bagnarti.
Così, l’Omino di Marzapane si arrampicò sul naso della volpe, ma non appena si fu seduto, questa, in sol boccone, lo divorò!

E questa fu la fine… del Gingerbread Man

Il numero estratto di oggi è: …………………….. il numero 4

 La Bussola e il Diario

tombola ridotta

 

By | 2016-04-20T23:02:34+00:00 dicembre 11th, 2013|Dire|0 Commenti

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

Scrivi un commento