Regali di Natale: idee per giovani viaggiatori

Ti trovi qui: Dire » Regali di Natale: idee per giovani viaggiatori

Regali di Natale: idee per giovani viaggiatori

By | 2016-12-09T17:35:11+00:00 dicembre 6th, 2016|Categories: Dire|Tags: |0 Commenti

I regali di Natale invece che un piacere diventano spesso una sofferenza: scegliere qualche cosa di veramente originale e che possa piacere non è mai facile. È difficile per il marito, il fidanzato, la mamma e il babbo, per i teenagers è ancora più difficile, a meno che la o il teenager in questione non sia un accanito viaggiatore con la testa fra le nuvole e verso nuove destinazioni.

Arriva, arriva, sta arrivando velocemente. Tu hai già comprato i regali di Natale? Io ancora nulla e forse non comprerò nulla. Il mio Natale ha diluito i regali nel corso del tempo tra l’autunno e l’inverno che verrà, quindi con poca poesia. i regali o sono già arrivati, o sono attesi ma con la certezza di quello che sarà.

A casa nostra mi piacerebbe che ci fosse una regola, che ogni anno cerco di imporre, ma che non attecchisce come tradizione: fare in modo che ci sia sempre un piccolo pacchetto pr ciascuno, anche una cosa piccola piccola, ma un pacchetto da scartare.

Da quando carlotta ha scoperto che Babbo Natale non esiste,

ma davvero Babbo Natale non esiste?

Chi è che non crede a Babbo Natale?

io ho sempre cercato di farle un regalo di Natale che le piacesse, ma anche di metterle un pacchetto a sorpresa sotto l’albero. Magari dentro c’erano un paio di mutande “spiritose” o un paio di calze o calzettoni che guarda caso non le piacevano mai.

Ha detto che i pacchetti con le calze non li vuole più.

Peccato!

Quindi si apre la caccia al regalo. I suoi desideri spaziano su cose ultra costose, ma non è sempre è possibile esaudire, quindi ho cercato alternative che la potessero interssare.

Il trolley cabin size

Con Carlotta, viaggi da “bagaglio a mano” ne facciamo. Abbiamo una cabin size nostra e l’altra, di solito, la chiediamo a mia mamma.

Poi abbiamo visto due amiche di Carlotta con i trolley della Eastpack ed è stato colpo di fulmine.

Qualche mese ne avevo comprata una color vinaccia in negozio: una follia, ma sono davvero molto belle, anche se non sono proprio sicura che ci stia la stessa quantità di cose che io metto nel mio piccolo e distrutto trolley azzurro che uso da una vita. La voleva anche lei, anzi lei avrebbe voluto la misura intermedia, per completare il set con la mia, ma invece ho ho trovato il trolley perfetto da viaggiatore con tutte le rotte aeree e i piccoli aeroplanini.

L’ho comprato subito. È bellissimo.

Ovviamente lei ora vorrebbe anche la misura media per fare il completo. Vediamo se capita l’occasione. Intanto questo, che non sarà impacchettato, ma verrà usato prima di Natale, è un regalo in più che non era proprio previsto.

La mappa del viaggiatore

Un altro regalo che sono sicura le piacerebbe è la mappa Scratch da attaccare all’unico muro libero che ha in camera. Quel muro ha già subito varie evoluzioni. Dal mappamondo politico, quelli che avevo a scuola anche io ai miei tempi, in cui attaccava bollini adesivi sui posti che aveva visto, alla bachecha in sughero che gli ha fatto suo babbo con tutti i ricordini dei vari viaggi, come i biglietti dei mezzi pubblici, i biglietti aerei e ricordi condivisi con le amiche durante il viaggio. Sono indecisa tra queste due, anche se la differenza è minima 2 centimetri in lunghezza. Forse le piacerebbe una cosa più grande ma non ci sono:

Il wall sticker

Sempre quell’unico muro libero in camera potrebbe essere occupato anche da un wall sticker, ma bisognerà prendere una decisione: la mappa “grattabile” e lo sticker insieme non ci stanno proprio.

Sono sicura che questi  qui sopra le piacciono tutti, ma sono anche sicura che le piacerebbero quelli a tema New York come quelli qui sotto:

Naturalmente questi sono solo pagliativi: lei aspetta un biglietto aereo per la Grande Mela, che di sicuro per Natale non arriverà.

Moleskine City

Ne ha già ricevuta una, quella di Dublino, come regalo di compleanno dalla sua compagna di avventure di vacanze studio a Dublino. La Moleskine city è un quadernetto, un taccuino, su cui creare l’itinerario o la vacanza perfetta. Ci sono le pagine bianche per prendere appunti, ma ci sono già un sacco di informazioni come le mappe, le informazioni utili, i punti di interesse. Davvero carina, e poi ho scoperto che a 15 anni quadernetti, agende e taccnuini di carta sono ancora di moda come lo erano ai miei tempi. Lei ora possiede quella di Dublino e si perde ad osservare mappe e a tracciare i percorsi che faceva per andare a scuola quando era là. Dublino le è proprio piaciuta molto, ma credo che potrei regarle anche i taccuini le Moleskine di New York, Parigi e Berlino per ottenere lo stesso effetto: sognare!

A parte il trolley che è già arrivato e che non doveva essere un regalo, queste cose qui sopra le vorrebbe ricevere tutte, ma qust’anno non arriveranno, come non arriverà il biglietto aereo per New York, almeno per il momento.

Il suo regalo lo riceverà comunque e anzi saranno ben due regali uno di compleanno  e uno di Natale e sono regali da super viaggiatrice, ma scommetto che non indovinerai mai di che cosa si tratta.

Per il regalo di Natale, che arriverà all’inizio dell’anno ti lascio un indizio: cosa desidera di più al mondo una viaggiatrice?

E per il regalo di compleanno che arriverà a febbraio, ti lascio un altro indizio:

Ah dimenticavo! Serve un’idea per impacchettare questi regali? Leggi qui sotto, è senza ombra di dubbio, il packaging che ho amato di più.

Pacchetti bianchi e rossi

(se non ti è chiaro il procedemento scrivi)

Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori
Acconsenti al trattamento dei dati personali *
Puoi ricevere Newsletter, Post o entrambi. Scegli tu! 😉

Ti è piaciuto l'articolo? CONDIVILO!

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

Scrivi un commento