Blogger: questi (S)conosciuti

Ti trovi qui: Dire » Blogger: questi (S)conosciuti

Blogger: questi (S)conosciuti

By | 2016-10-07T12:18:20+00:00 luglio 12th, 2016|Categories: Dire|Tags: |4 Comments

Sabato, mentre vagavo per creste dei Monti Sibillini, fradicia di sudore, sferzata dal vento, con i piedi pieni di vesciche e le spalle ustionate, pensavo tra me e me: “ma chi me l’ha fatto fare?”. Pensavo a come mi era potuta venire l’insana voglia di andare a vedere quel lago Pilato che fino a qualche mese prima non sapevo nemmeno che esistesse.

Pensavo che per gli artisti esistono le muse ispiratrici e pensavo che alla fine, in fondo, anche io ho le mie muse ispiratrici e che fan più danni di quelle degli artisti.

Pensavo che erano bastate due righe lette sul web e una foto di una blogger che neanche conoscevo ancora a farmi pensare che quel lago lo volevo assolutamente vedere. E mi è bastato nominare il lago durante [ilink url=”https://www.ideedituttounpo.it/viaggiare/italia/emilia-romagna/torre-prendiparte-bologna.php” title=”torre prendiparte a Bologna”]AITBmeetUp a Bologna[/ilink] in aprile, per ricevere una pioggia di informazioni e far crescere la mia voglia di andare.

Le mie muse ispiratrici sono i colleghi blogger, che con i loro racconti, mi fanno venire la voglia di andare a scoprire angoletti sconosciuti di mondo.

Ce ne sono alcuni che seguo più assiduamente, ce ne sono altri che oltre a seguirli sono proprio amici, con alcuni di loro ho degli scambi quotidiani di chat per chiacchiere e pettegolezzi, scambi di favori e di consigli, perché questo mondo, che la metà dei miei amici offline non capisce, è un mondo fatto di persone e il fatto che queste persone stiano dietro ad uno schermo piuttosto che alla finestra accanto non cambia assolutamente la “realtà” e la genuinità del rapporto di conoscenza.

Questo preambolo per dirti che oggi, voglio suggerirti alcuni dei blogger che seguo e svelarti le loro caratteristiche, perché ognuno di loro è chiaramente identificabile da particolari, dal modo di viaggiare, dalle passioni, dalle mete.

Claudia di [ilink url=”http://viaggiverdeacido.com/” title=”Viaggi verde acido”]Viaggi verde Acido[/ilink]

Ho conosciuto Claudia nel 2014 mentre ero al blogTour [ilink url=”https://www.ideedituttounpo.it/tag/eolie4season” title=”Eolie”]#Eolie4Seasons[/ilink] alle Eolie.

travel blogger Claudia Vannucci

Claudia di Viaggi Verde Acido

A parte la meta del viaggio e l’itinerario, entrambi grandiosi, grazie alla mia, ormai, amica [ilink url=”http://www.sicily4seasons.com/” title=”Tour sicilia”]Alessandra[/ilink] che l’ha organizzato, Claudia si è fatta subito notare per aver fatto l’ascesa del cono del vulcano con minigonna di jeans, calzettoni lunghi e sneakers.

Un personaggio un po’ eccentrico che mi ha incuriosito, divertito, e che poi ho perso di vista per un po’ fino a che non ho deciso di andare a fare la [ilink url=”https://www.ideedituttounpo.it/viaggiare/italia/toscana/firenze-con-beemyguide-e-ti-porto-a-firenze.php”]visita del Museo della Specola[/ilink] a Firenze, con lei che mi faceva da guida. Claudia è [ilink url=”http://tiportoafirenze.com/” title=”Guida turistica Firenze”]una guida turistica[/ilink] di mestiere, che ti può seguire e istruire a Firenze con Tour Classici o altri un po’ meno usuali. Infatti Claudia è un genere di persona un po’ “noir” per certi versi e le sue passioni sono l’architettura, materia in cui è laureata, e i cimiteri. Potete riconoscere il suo tratto proprio in questa particolare affezione ai campi santi, ovunque vada ne trova uno: antico, moderno, misterioso, romantico e ti svela anche il significato che si cela dietro a certi simbolismi sacri o profani che siano. Sarà per colpa sua che ora anche io guardo i cimiteri con un occhio diverso e che ho provato l’emozione di entrare in quello di Vilnius per ritrovarmi a pensare che dopo tutto poteva essere un luogo alquanto romantico. L’apoteosi della mia adorazione è avvenuta quando è andata negli stati Uniti, come fa spesso, e volendo visitare un paesino fuori dal mondo, perso nel nulla, che probabilmente conosce solo lei, si è fatta ospitare dal Borgomastro, l’equivalente del nostro sindaco, che l’ha rimpinzata come un porcellino con le salsicce. La seguo perché: la sua visione del mondo architettonico è una visione da esperta e le sue esperienze sono spesso divertenti e inusuali, anche quelle dei cimiteri.

Paola di [ilink url=”http://www.scusateiovado.com/”]Scusate Io Vado[/ilink]  

Travel blogger Paola Annoni

Paola di Scusate Io Vado

Il nome del blog è tutto un programma. L’ho conosciuta in un blogtour (pure lei) a [ilink url=”https://www.ideedituttounpo.it/viaggiare/italia/lombardia/lago-di-garda-tremosine.php”]Tremosine[/ilink] sul lago di Garda. Con Paola ho condiviso un’esperienza bellissima, il mio primo canyoning, un’esperienza che ci ha avvicinato (idealmente nella mia testa) come avessimo condiviso la sopravvivenza su un’isola deserta.

L’impressione che mi ha fatto quel giorno lì e anche quello successivo quando abbiamo provato il Nordic Walking affiancate cercando di chiacchierare più che di camminare: serenità. Paola trasmette tranquillità e serenità. Anche ironia. E mi è sembrata una persona particolarmente positiva. Tornate da quel blog tour ha pubblicato un video che mi è piaciuto un sacco e scritto un post che avrei voluto scrivere io: entusiasmo e ironia. Perché non l’ho pubblicato io quel post? Forse perché non sono brava quanto lei a scrivere. Poi è mezza Spagnola, appassionata di food e vive leggera.La seguo perché: il suo modo di scrivere è fresco, ironico e divertente, che di sorridere ce n’è sempre bisogno.

 

Raffaella [ilink url=”http://piccolasicilia.it/”]B&B Piccola Sicilia[/ilink] 

Raffaella non è proprio una blogger. Cioè non lo era, ma ora il titolo se lo merita proprio tutto. Raffaella è stata la mia compagna di banco virtuale in uno dei primi corsi da blogger che ho fatto. Nel compito finale, in cui dovevo dare le impressioni sul suo sito e dire cosa avrei cambiato, cosa avrei modificato, l’ho praticamente ammazzata di critiche. Le possibilità potevano essere due: o chiudeva tutto o si rimboccava le maniche per cogliere solo il meglio dalle mie mille critiche. Se ci penso ora, allora, ero stata veramente dura, ma credo di non averle fatto un gran danno: ora è diventata bravissima.

In realtà il blog, il sito, le competenze di Social Media a lei servivano per la sua attività: gestisce un B&B a Palermo e ha trovato, secondo me, la strada per fare la differenza rispetto a migliaia di B&B che sulla rete sono anonimi. È brava davvero e [ilink url=”http://piccolasicilia.it/blog/”]il suo blog[/ilink] ruota attorno a Palermo: un sacco di storie, aneddoti, notizie, ricette, curiosità.

Io sto aspettando il “volo bazza” per andare a testare il suo B&B: se da ospite è brava la metà di quello che è nel fare la Social Media di sè stessa, credo che si meriti un 10 pieno.

Perché la seguo: Per i suoi post che mi hanno fatto venire voglia di visitare una città che mai avevo preso in considerazione prima di conoscere lei.

Milena di[ilink url=”http://www.bimbieviaggi.it/”]Bimbi e viaggi[/ilink]

Milena l’ho conosciuta dal vivo due anni fa, abita a Bologna, e mi sembrava tanto vicina geograficamente, ma tanto lontana per come il suo blog me la presentava. Ci siamo conosciute, non in blogtour, ma in un’occasione da blogger, in cui eravamo state invitate a trascorrere una settimana in un villaggio.

travel blogger Milena Marchioni

Milena di Bimbi e Viaggi

Abbiamo passato insieme una settimana, e dopo 4 sere mi ha mollato la figlia perché lei doveva andare a prendere suo marito in stazione. Amanda aveva sei anni e si è ritrovata con due persone sconosciute e una ragazzina di 12 anni che di giocare con lei non ne aveva proprio voglia. Eppure Milena me l’ha affidata senza battere ciglio. Abbiamo scoperto di condividere diverse cose come gli orari serali in cui si va a dormire, ma non quelli in cui ci si alza. Io che alle 7 avevo già fatto la passeggiata in spiaggia, lei che alle nove arrivava a fare colazione quando ormai ci eravamo già mangiati tutto, specialmente il prosciutto che lei avrebbe desiderato tanto. Chi tardi arriva male alloggia  😎

Abbiamo continuato a condividere molti pensieri e poche mete, perché lei fa viaggi galattici che non sono proprio alla mia portata, ma non si sa mai.

Scrive di viaggi per bambini, ma alla fine gli spunti e le mete vanno bene anche per i grandi. Perchè la seguo: lei è super esperta di [ilink url=”http://www.bimbieviaggi.it/organizzare-un-viaggio-alle-maldive/”]Maldive[/ilink] e i suoi consigli portano i sogni ad un livello reale: magari le Maldive saranno una prossima meta?

Fabiola di [ilink url=”http://www.fabilax.com/”]In Viaggio con Fabila[/ilink]

Fabiola l’ho conosciuta a Roma a gennaio, la seguivo anche prima, perché lei come me condivide la tenda e il campeggio. Ora lei è passata ad un livello superiore: si è data al camper e non sta ferma un attimo.

travel blogger fabiola trippetti

Fabiola di In Viaggio con Fab

Lei in effetti ha ispirato questo post perché mentre ero sulla cresta del Monte Vettore che ho raggiunto attraverso il percorso da Forca Viola pensavo proprio a lei: a lei che mi ha detto dove andare a parcheggiare sulla piana di Castelluccio, direttamente in “mezzo ai fiori”, a lei che mi ha suggerito il percorso da fare per il lago di Pilato “perché lungo ma meno ripido”.

Per fortuna che era meno ripido. Mentre passeggiavo in cresta da Cima Redentore a Rifugio Zilioli, mi ripetevo spesso: “è meno ripido, è meno ripido, è meno ripido” per farmi coraggio visto che non vedevo la fine, per convincermi che Lei mi aveva suggerito la strada migliore. In realtà questo pezzo me lo ero scelto da sola, ma insomma la colpa di tutta quella fatica a qualcuno la dovevo dare.

Alla fine ce l’ho fatta con soddisfazione e con tanta fatica e domenica sera ho visto le foto della sua escursione nei pressi del Lago di Fiastra nelle Marche. Ho voglia di fare anche quella, anche se so che sarà una fatica terribile conoscendo le sue abitudini di trekking e bici, ma ormai mi ha messo la pulce nell’orecchio.

Perché la seguo: Fabiola dispensa consigli e segreti come nessun altro. Sai come puoi fare un viaggio in Patagonia con il solo bagaglio a mano? Comprando mutande di carta usa e getta in farmacia per risparmiare spazio in valigia. Sai come fare un [ilink url=”http://www.fabilax.com/2016/06/giro-europa.html”]viaggio di 23 giorni in Europa[/ilink]  con meno di 500 euro in agosto? Lei te lo dice e io trovo che siano ottime ragioni per seguirla.

Ilenia di[ilink url=”http://www.pensoinventocreo.it/”]Penso Invento Creo[/ilink].

Ilenia non è una travel blogger. È una blogger, lei si definisce una craft, una che fa lavoretti (ups, questo non si può dire veramente), ma è una blogger.

Anche lei però l’ho conosciuta nel mondo dei travel blogger, e trovandoci a condividere un progetto insieme ci è venuto spontaneo continuare a chiacchierare anche fuori dal progetto stesso.

Anche se non è una travel blogger lei gira con il camper e abbiamo condiviso insieme qualche weekend divertente in campeggio o qui a casa mia, dove li abbiamo ospitati come se fossero in un area sosta. Ilenia è anche una farmacista, la mia consulente personale per piccoli problemini di salute e a volte anche di testa: come se fossi una quindicenne, la posso considerare la mia migliore amica.

Mum e Craft blogger Ilenia Montagni

Ilenia di Penso Invento Creo

Perché la seguo: perché i suoi lavoretti mi piacciono un sacco e piacciono anche a Carlotta, perché possiede una calma invidiabile e riesce a fare un mucchio di cose tutte insieme mentre io mi arrabatto contro il tempo. Ha una spiccata fantasia tanto che è riuscita a fare di suo marito un “brand”. Peccato che manchi nella blogsfera la sua esperienza di trasformare il marito in un marchio di fabbrica, di cui cura l’immagine come professionista e l’immagine social dell’azienda.

Ora capisci un po’ meglio il mio mondo fatto di schermi, smartphone, connessioni e Social?

 

Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori
Acconsenti al trattamento dei dati personali *




About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

4 Commenti

  1. ileniamontagni 14 luglio 2016 al 0:03 - Rispondi

    Ahahaha Siamo 2 adolescenti con 20 anni di anzianità! 😀 ( non sono calma, sono ansiosa da sempre e quindi ho imparato a nasconderla bene)

    • Monica Liverani 14 luglio 2016 al 16:12 - Rispondi

      Io non so nemmeno nasconderla. Noi adolescenti inside abbiamo pure l’ansia da adolescenti! ahaha

  2. Fabila 16 luglio 2016 al 8:15 - Rispondi

    Dicevo: ma una fotina un po’ più decente non me la potevi chiedere? 😉 hihihihihii

    • Monica Liverani 16 luglio 2016 al 11:51 - Rispondi

      Quella avevo e mi piaceva perchè abbinata all’elenco dei blogger buoni e cattivi! ahahah Se vuoi fare bella figura me ne devi mandare una da Top Model, tipo quelle con cappello-diva e occhialoni da croisette.

Scrivi un commento