Tagliatelle scalogno e pancetta

Ti trovi qui: Cucinare » primi » Tagliatelle scalogno e pancetta

Tagliatelle scalogno e pancetta

Quando si va in cucina bisogna pur cucinare con gli ingredienti che si trovano” (Giovanni Giolitti)

Da quando IO vado a scuola, QUALCUNO si crede di essere Chef, e pure pasticcere, e pure… “sfoglino”.

Insomma, è vero che io cucino meno perchè ho poco tempo, ma Lollo da sfogo a tutte le sue più fervide fantasie. Che anche quando non andavo a scuola, non è che durante la settimana si cucinasse un granchè di fantasia, semplice sopravvivenza, qualche cosa di più durante il weekend.

Complice delle sue fantasie culinarie anche sua mamma che gli fornisce di “contrabbando” ingredienti in grosse quantità.

Lo scalogno, mia suocera lo pulisce, toglie la buccia e lo congela, tirandolo fuori dal congelatore e usandolo come fosse fresco. Ecco noi eravamo dotati sia di scalogno congelato e pulito che di scalogno fresco ancora da pulire.

Il primo esperimento è stato tutta farina del suo sacco. Quasi. Le tagliatelle gliele avevo fatte io. Il suo metodo per condirle era stato quello di ungere la padella, buttare pancetta e scalogno in quantità misere e far cuocere tutto insieme aggiungendo il tutto alle tagliatelle.

Senza lode e senza infamia.

Il fine settimana successivo, viste le quantità di scalogno di cui siamo felici proprietari, ha voluto ripetere, ma questa volta ci siamo scambiati i ruoli. Lui ha tirato la sfoglia e fatto le tagliatelle, io ho fatto il condimento: scalogno e pancetta!

Ah… abbiamo usato sia scalogno fresco che congelato. Quello fresco è stato pulito tutto da lui, quello conservato si taglia benissimo anche se congelato. Gliene ho fatto pulire un bel pò, ed era anche un po’ contrariato di questa cosa… “così lo finiamo subito”. Ma se le tagliatelle devono essere scalogno e pancetta, lo scalogno si deve sentire.

Lui ha tirato la sfoglia, a suo merito devo dire che è davvero bravo, con 4 uova è riuscito a tirare una sfoglia enorme, bella, tonda e fine, quasi come quella che tirava mia nonna.

tagliatelleIl condimento invece l’ho fatto io.

Tagliatelle scalogno e pancetta

Scalogno

pancetta

parmigiano

sale

pepe

Tagliare la pancetta a strisce sottili e farle soffrigere in una padella con un goccio di olio. Quando la pancetta è bella croccante, toglierla dalla padella e metterla da parte su carta assorbente.

Nella stessa padella in cui abbiamo soffritto la pancetta, mettiamo lo scalogno, che deve imbiondire a fuoco basso, aggiungo un pochino di acqua e lasciamo stufare a fuoco basso e con il coperchio. Quando lo scalogno è morbidino e l’acqua asciugata aggiungiamo la pancetta, le tagliatelle e le tiriamo con un po’ di acqua di cottura.

Spolveriamo con tanto parmigiano e tanto pepe.

tagliatelle scalogno e pancettaSicuramente il mio condimento era più gustoso del suo, ma un po’ di merito va anche alle sue tagliatelle.

 

By | 2016-04-15T23:32:57+00:00 novembre 20th, 2013|primi|3 Comments

About the Author:

Travel blogger appassionata di food, meglio ancora street food. Viaggiatrice on the road a più non posso con il letto sopra il tetto. Web writer, web content, Social Media Specialist, SEO learner Ah... ogni tanto concedo udienza alla quindicenne che vive con me e al suo papà.

3 Commenti

  1. Tagliatelle scalogno e pancetta: piacciono tanto anche a Google e a voi? http://t.co/V1lVgur8EW http://t.co/kA6jBVd59T

  2. Tagliatelle scalogno e pancetta: piacciono tanto anche a Google e a voi? http://t.co/V1lVgur8EW

  3. @confratagliatel 12 aprile 2014 al 16:01 - Rispondi

    RT @ideedituttounpo: Tagliatelle scalogno e pancetta: piacciono tanto anche a Google e a voi? http://t.co/V1lVgur8EW

Scrivi un commento